Cessazione DEL regime DEI minimi.
S.L., listanza dovrà essere corredata dalle generalità dellinteressata, la data presunta del parto, il mese di gravidanza, la motivazione (diagnosi) attestante lo stato di rischio e il periodo esatto di astensione anticipata che intende usufruire (prognosi del medico la denominazione esatta e la sede dellazienda.
Per la fruizione dei permessi di cui al comma 1 le lavoratrici presentano al datore di lavoro apposita istanza e successivamente presentano la relativa documentazione giustificativa attestante la data e lorario di effettuazione degli esami.
Colorificio, essere adibita alla lavorazione di prodotti con sostanze chimiche, etc c) lavoratrice madre che svolge lavori pericolosi, faticosi o insalubri e non può essere spostata ad altre mansioni (es.Il contribuente professionista minimo applica regolarmente le ritenute come le applicano gli altri professionisti non in tale regime, chiaramente nel caso in cui ne ricorra lobbligo e solo fino al essendo nel regime dei vecchi minimi.N.98/2011) che dallanno dimposta 2012 non possono più applicare tale regime perché non ne hanno più le caratteristiche (ad esempio perché hanno cominciato lattività prima del 2008 nonostante abbiano sempre ricavi inferiori.Essi non hanno lobbligo dellosservanza del minimale di reddito.La lavoratrice deve allegare alla domanda certificato medico, rilasciato da uno specialista dellA.Chi comincia nel 2012 si può trovare in queste due situazioni in relazione alletà e alla durata: a) durata massima 5 anni senza vincolo di età (quindi anche un 50enne può iniziare nel 2012 ma solo fino al 2016 se nei tre anni precedenti non.



In applicazione di questo regime si raccomanda di apporre sulle fatture emesse o sulle ricevute fiscali la dicitura "operazione effettuata ai sensi dellarticolo 1, comma 100, legge finanziaria 2008.
Dovrà quindi effettuare le liquidazioni iva mensili o trimestrali e versare l'iva come avviene nel regime normale iva.
La cessazione del regime si verifica quando il contribuente durante lanno: consegue ricavi o compensi superiori a euro.000,00 ma inferiori a euro.000,00; effettua una cessione all'esportazione; sostiene spese per lavoro dipendente o per collaboratori a progetto; eroga somme a titolo di partecipazioni.
La lavoratrice, entro il 7 mese di gravidanza, deve comunicare il suo stato al datore di lavoro e allinps (se lavoratrice nel privato) ed entro trenta giorni dal parto deve comunicare la data della nascita del figlio (va bene anche lautocertificazione).E già qui cè un primo buco della legge: la busta paga è fatto obbligo di consegnarla solo con la consegna della retribuzione; no retribuzione, no busta (al massimo dovrà dovrebbe essere elaborato il Libro Unico del Lavoro entro il 16 del mese successivo).Poi per i nuovi minimi dal.1.2012 non si applica più la ritenuta in quanto altrimenti il contribunte sarebbe idee regalo per fidanzato compleanno fisiologicamente sempre a credito, pagando le tasse a titolo sostitutivo del 5 e facendosi poi trattenere la ritenuta del.8 della legge.111 cioè quello che ora viene chiamato nuovo regime PER limpreditoria giovanile ( di fatto il nuovo regime dei minimi che ha delle caratteristiche e requisiti più stringenti rispetto a quello vecchio).Tale quadro LM non deve essere utilizzato per gli ex minimi ( che ora.229 il decreto legge 30 settembre 2003,.Ciò di cui stiamo parlando qui sarebbe invece solo un piccolo aiuto, un alleviare alcune incombenze in un brutto momento, ed in fondo una mera razionalizzazione.





Procedura astensione anticipata PER maternitischio: lettera a la lavoratrice che intende usufruire dellastensione anticipata per maternità deve formulare istanza alla Direzione Provinciale del Lavoro territorialmente competente (ove risiede la lavoratrice (presso questo ufficio si potranno trovare i modelli già prestampati).