I lanifici italiani più affermati si erano costruiti uneccellente reputazione basata principalmente sulleleganza dei loro tessuti.
Boselli sul periodico "Adamo".
In questi due tipi di centri di produzione cotoniera, i commercianti organizzavano il lavoro a domicilio nelle zone rurali, come le pianure montane e le valli della Lombardia, dove la terra era generalmente arida, ma vi era grande abbondanza di risorse idriche.Si arriva nella sala più grande, della mostra, dedicata al passaggio dall impressionismo alle avanguardie, rappresentato dalle opere di Van Gogh, tra cui premio walter saetta il celebre Autoritratto con cappello di paglia, e dallAutoritratto di Paul Gauguin.Esempi tipici di questa produzione sono le sete artistiche per cravatte di Guido Ravasi e gli scialli di Carlo Piatti.Dal primo dopoguerra alla Seconda guerra mondiale.Opere dei 10 espositori indicati nella nota.Nel settore laniero, grazie alluso di nuove fibre e di telai avanzati, i prodotti subirono unevoluzione che ne accrebbe la varietà rispetto ai tradizionali invito premio poesia scuola primaria panni di lana pesanti e ne migliorò la qualità.Durata della mostra: 4 aprile - 10 giugno.1949 Brescia Vescovado Mostra collettiva ( La Redenzione.



Detroit Institute of Arts.
Opere degli 11 espositori indicati nella nota.
Al contrario, le piccole industrie decentrate con telai meccanizzati si adattarono con flessibilità a questa situazione di incertezza.Espone due dipinti: Marone ruinato, Marone postalluvione.Egli ha pure collaborato, insieme.Durata della mostra: 15 aprile - 17 giugno.Questa tendenza fu favorita dal fiorire delle mode e degli ideali estetici degli anni Settanta, ma, rispetto al Regno Unito, la vendita di abbigliamento in Italia fu comunque dominata in misura inferiore dalla grande distribuzione, dalle cooperative e dalle aziende di vendita per corrispondenza.