primo tagliando alfa romeo giulietta 1.6 diesel

Romeo " in seguito all'acquisizione del controllo della società milanese da parte di Nicola Romeo.
Con questo modello Alfa sostituisce la 147 e torna a utilizzare il nome di uno dei classici degli anni.
L alfa 166 può essere considerata come una berlina di prestigio appartenente alla classe delle vetture di lusso - con una lunghezza di 4,74 m e una larghezza di 1,80 m, è l'automobile dalle maggiori dimensioni della casa milanese.Per quanto concerne il design, anche qui il mix fra la imponenza dell'auto di grande cilindrata e il coupè sportivo risulta convincente.Alfa Spider - un classico fra i veicoli sportivi con una carrozzeria aerodinamica, che ricorda il coupè serie E della Jaguar (il quale, a parità di standard tecnici, risulta però molto più oneroso).L'appassionato di automobili pensa subito all'.Giulietta, oltre a essere una perfetta rievocazione letteraria unitamente al nome del marchio, è una denominazione che negli anni 50 utilizzò uno dei modelli Alfa ideato da Bertone e che ebbe anche una versione decappottabile disegnata da Pininfarina.



La casa automobilistica Alfa Romeo, con sede a Milano, deve essere annoverata fra le più ricche di tradizione in Italia: l'azienda venne fondata nel 1906 a Portello, zona del nord ovest milanese, dal francese Alexandre Darracq e si chiamò fino al 1919 solo.L.F.A.
Anche nel settore delle vetture sportive "vere e proprie siano a due o a quattro posti, l'Alfa Romeo ha molto da offrire.
Ovviamente, stiamo parlando dell'Alfa Romeo, una leggenda industriale italiana.Vi sono anche altre possibilità di scelta: dell'Alfa 159 esiste per esempio anche una versione station wagon.In questo campo la casa non si concentrò esclusivamente sul lusso della classe di prezzo superiore, ma anche sullo sviluppo di berline sportive ed esteticamente piacevoli che fossero contemporaneamente accessibili per un ampio pubblico - aspetti questi, che sono ancora oggi peculiari dell'Alfa Romeo.Per regalo di nascita quanto riguarda la meccanica, la Giulietta monterà quattro motori, tutti turbo alimentati e conformi alla normativa sulle emissioni Euro.Alfa, ma nel 1918 essa acquisì anche la desinenza ".Fra questi le berline di media cilindrata Alfa Giulia e il modello successivo dell'.La gamma sarà suddivisa tra due benzina (un.4 da 120 CV e.4 Multiair da 170 CV) e due motori diesel (un.6 jtdm da 105 CV e.0 jtdm da 170 CV).A ciò contribuiscono anche i consumi, inferiori a 8 litri di diesel per 100.