Bulli con un click di, roberto Bratti aggiudicatosi il, bancarellino, premio dedicato alla narrativa per ragazzi.
Niente è come te, già architetta palestinese vincitrice del premio nonino presentato su sololibri e accompagnato da un intervista allautrice, è la storia, oggi purtroppo sempre più comune, di un padre e di una figlia costretti a star lontani in seguito ad una separazione coniugale e poi, dal destino, riavvicinati.
Ancora qualche anno fa non pensavo di fare la scrittrice, figuriamoci di vincere un premio tanto importante.
E un riconoscimento che ho vinto insieme ai protagonisti del mio libro, quei padri e quelle madri che devono sempre dimostrare con tenacia di volere bene ai loro figli.
Ha vinto nel 2015 il Premio Bancarella con Niente è come te e nel 2016 il Premio Rapallo per donne scrittrici con il romanzo Splendi più che puoi.Il romanzo è la storia di Francesco e Margherita, ma anche quella di tanti genitori che non possono far nulla quando i figli sono loro strappati e di tanti ragazzi che si sentono poco amati.Al termine di una votazione con colpi di scena e un finale di trepidazione, Sara Rattaro con, niente è come te (Garzanti) si è aggiudicata il, premio Bancarella 2015.Un uso qualunque di te e, non volare via che lhanno fatta conoscere sia a livello nazionale che internazionale.Chi è Sara Rattaro - Genovese di nascita, figlia di commercianti, in possesso del Diploma magistrale prima, laureata in Scienze Biologiche poi, lautrice, seppur giovane, si è già fatta conoscere da un ampio pubblico di lettori per i suoi romanzi intensi e ricchi di umanità.Buona lettura a tutti!Ecco la classifica e i nomi degli altri finalisti: Niente è come te (Garzanti) ha ricevuto 77 voti, Se chiudo gli occhi (Giunti) di Simona Sparaco, 76 voti; La vita prodigiosa di Isidoro Sifflotin (Feltrinelli) di Enrico Ianniello, 74 voti ; Solo il tempo.Ha prevalso sul filo di lana con 78 voti contro i 77 di Simona Sparaco, mentre 74 sono andati a Enrico Ianniello, 50 a Paolo Roversi, 39 a Giulio Massobrio e 33 a Mallock.Sono incredula, provo una gioia grandissima ha detto Sara Rattaro, in lacrime, al momento della proclamazione.



Lultima notte di Ayrton Senna ed Enrico Brizzi con In piedi sui pedali.
I finalisti del Premio Bancarella 2015.
Sara Rattaro, oltre che con i romanzi, può essere seguita anche tramite il suo blog.
Se chiudo gli occhi di Simona Sparaco, che ha dato vita a un testa a testa col romanzo vincitore conclusosi proprio con lultima scheda estratta dallurna.La vita prodigiosa di Isidoro Sifflotin di Enrico Ianniello, seguito da, solo il tempo di morire di Paolo Roversi, Rex di Giulio Massobrio e, i volti di Dio di Mallock.E un libro che affronta una tematica assai attuale, quella del cyberbullismo e della pericolosità dei social; una storia che, otre ai ragazzi, genitori ed educatori dovrebbero leggere.Weitere Informationen zu unseren Cookies und dazu, wie du die Kontrolle darüber behältst, findest du hier: Cookie-Richtlinie.Al secondo posto, per un solo voto, si piazza.Lamore è tutto: è tutto ciò che so dellamore, scrive il suo nome su un albo doro che ha visto trionfare in passato autori del calibro di Ernest Hemingway, Enzo Biagi, Oriana Fallaci, Indro Montanelli, John Grisham, Ken Follett e tanti altri.Questa caratteristica si ritrova già nei suoi precedenti romanzi, da Sulla sedia sbagliata.





Wir verwenden Cookies, um Inhalte zu personalisieren, Werbeanzeigen maßzuschneidern und zu messen sowie die Sicherheit unserer Nutzer zu erhöhen.
Ecclettica negli studi, si è laureata prima in Scienze Biologiche e poi in Scienze della Comunicazione.
Congratulazioni anche ai vincitori del, bancarella Sport, ex aequo per Giorgio Terruzzi con Suite 200.